Archivio tag: feeling is believing

exhibition contemporary art

A trip around the world through Claudio Arezzo di Trifiletti’s footprints of peace 

“ITALIANO

ART – At the Palazzo della Cultura in his hometown of Catania, starting 1 December and open until 6 January, you will find the exhibition “Private Collection Imprints of Peace”, which the artist-globetrotter represents with 77 canvases including footprints left by passersby that symbolize birth, while the colors and powders create a three-dimensional effect.

involuntary art archive

involuntary art archive

The artist, “We must give space to beauty” by Laura Cavallaro

London, Paris, Milan, Cairo, Athens, Iceland, Izmir, Katakolon are only some of the destinations  touched during the travels of Claudio Arezzo di Trifiletti, a nonconformist painter who after ten years of absence returns to exhibit in his hometown, Catania, with the exhibition “Private Collection Imprints of Peace”. A journey around the world seen through 77 paintings, exhibited in a timeless manner and arranged according to a flow of energy. The particularity of Arezzo di Trifiletti’s work is based on the technique which is not only pictorial but above all preparatory; in fact, it places the virgin canvas on streets, on sidewalks and also at the entrance to the former Literary Café where the installation is housed, so that the footprints of those who pass over it can remain etched. At the base of everything, in fact, there is the footprint, which is synonymous with birth and serves as a support for his work. Clear principles that are inspired by quantum physics, religion but above all by the cult for beauty. As the artist recounts during the presentation of the exhibition, which will open its doors on Saturday 1 December and will be open until 6 January 2019: “This experience aims to shake up the visitor and start a series of connections. Above all it will be the presence of children to create tremendous energy”.

Datemi Spazio

Datemi Spazio

The Municipality of Catania is sponsoring the event. An excited mayor, Salvo Pogliese, is present at the premier: “I am happy to be here next to Claudio, to whom I have been bound by a relationship of sincere and profound friendship for about twenty-five years. An internationally renowned artist whose path I followed from a distance, this is why today it is an honor for me and for the Councilor for Culture Barbara Mirabella to welcome him to Palazzo della Cultura.” Two rooms full of dense canvases in which the brilliance of acrylics and lines that create elongated and surreal shapes spring up to the eyes. It is a contemporary painting that recalls certain works by Matisse, but it is above all the way in which the brush stroke is laid out, in which the powders are mixed with the colors. The impression is that the overlapping layers are all visible and in some cases the feeling is that the picture is three-dimensional. It is the optical game that is created in the Eiffel Tower – Paris where the black brushstrokes on a red background give the impression that the painting is popping out.

spazio sociale per la pace

spazio sociale per la pace

Next to the large panels, on paper bags, in which usually fruit is placed, are listed the names of the cities. It is an original way to describe the path that is well matched with Arezzo by Trifiletti’s commitment to the environment. In fact, he advocates a Cathedral of Recycling to be built on the Piana di Catania made with plastic and glass bottles: “I am careful of unrecycable waste, I create compost to use for the land of the future. We must awaken consciences and show ourselves attentive to these issues because the Earth is as alive as our volcano Etna.” A wish but above all a commitment to the land that must be known and protected in depth because it is the greatest good we possess. A radical change of lifestyle that has seen him transform from a young PR at a nightclub into a 360 degree artist, even if he tells us sitting on one of his canvases, that art and painting have always been in his DNA. Scion of a family of architects for several generations, he began painting at the age of four, when he made his first painting of a solitary man on a boat. A strong passion that we can still read in his eyes: “At the base of my work there are many sacrifices, without permission I spread these sheets around the cities with the risk of being arrested, especially in the Middle East, but it was done for a reason. After the attack on the Twin Towers, I felt the need to give my contribution to the world, an opportunity that came when I arrived in New York for an exhibition. There I collected the dust from the sidewalks of the city and I started the project that aims to respect Maya, the Earth. The imprint I refer to, which gives the title to the work, is the footprint which we carry with us from birth, which springs from the symbiosis with the world and which I nourish daily. In fact, I have been living in the countryside for a long time, where I have reached a balance with nature”.

Per ogni raggio di luce, gradini si accostano sopra le nuvole.

Per ogni raggio di luce, gradini si accostano sopra le nuvole.

Arezzo di Trifiletti does not hide from us that some time ago in London he was offered a considerable sum to sell the entire collection, a proposal that he refused without second thoughts because he did not want his art to be sold and adds: “Today on this occasion I am giving myself. We are destined to be born and die, for the only capital we have is what we leave behind. That’s why I put the installation at the entrance “Give me space”, because we need to give space to beauty. Looking beyond we have the opportunity to see beautiful things and bad ones. I act as a sponge, I try to filter only beauty and I hope that others can grasp it, especially children”. Asked if there is a painter who has inspired him, he immediately responds that the first ever is the Eternal Father but also Modigliani, who struck him just at the age of twelve years old. “His works have allowed me – he says – to understand space and the way in which the shapes stretched up to the sky”. If Picasso explained dimension, Claudio Arezzo di Trifiletti with his painting linked to the elements, to dreams, wants to interpret the fifth, those of the energies with which each one can nourish his own spiritual body. The materials on which he works are innumerable; not only the waste that in this way find new life as a piece of wood abandoned and used to make a tribute to Pope Francis, but also clay that he leaves raw and paints with gold, the same color that we find in the Vatican painting, the only one not to have figures out of a form of respect.

London, Paris, Amsterdam, Venice, Catania, Malta, Rome, Milan, Turkey,Abu Dhabi, Cairo, Greece, Camden Town,

London, Paris, Amsterdam, Venice, Catania, Malta, Rome, Milan, Turkey, Abu Dhabi, Cairo, Greece, Camden Town,

The mystical dimension is present together with the religious one in “Saint Lucia” where the concentric circles embrace and conclude the pictorial experience. The paintings that convey a sense of disquiet are those linked to the great metropolises like London and Paris, unlike the lagoon cities that transmit a sense of calm and peace. The paintings that refer to Venice are full of soft colors and intense nuances, with images that intertwine as threads. This is an experience that must be lived in a subjective way through a personal listening to themselves and to the works, for this we do not understand the need to put next to the paintings a qr-code, among other things not present in the rooms, still under construction. Too bad even for the video, although well edited and with a stimulating soundtrack, made by the students of the Academy of Fine Arts in which Arezzo di Trifiletti paints his paintings among the streets of the market of Catania and Aci Castello, because of bad audio you could not hear the story of the artistic excursus. There is still a few hours before the debut and we are sure that these minor inconveniences can easily be solved, but for the rest a great trip awaits you.

armed with just a teaspoon

PRIVATE COLLECTION IMPRINTS OF PEACE

L'Islanda è una dimensione meravigliosa

Hallgrímskirkja Iceland Imprints of Peace

CATANIA PALAZZO DELLA CULTURA
1 DICEMBRE 6 GENNAIO 2019

L’unico desiderio che ho è di veicolare i messaggi racchiusi nelle tele che ho dipinto dopo essere state calpestate da molte migliaia di persone nel mondo. Credo sia importante non solo per le persone che mi conoscono, per il popolo di Catania, ma per tutti quelli che desiderano connettersi con un mondo presente, che forse per dinamiche di sistema viene sempre meno preso in considerazione.

world needs love

world needs love – iceland

Vi posso assicurare che chi vedrà questa mostra, riceverà dono di cambiamento, l’intelletto tradurrà antichi codici senza sforzo, il progetto nasce nel 2007 a N.Y. ha raccolto memoria a: Barcellona, Berlino, Londra, Parigi, Roma, Abu Dhabi, Cairo, Amsterdam, Grecia, Turchia, Malta, Venezia, Milano, Islanda ecc. Sono esattamente più di 100 missioni in armonia col creato.

imprints milan stazione centrale

imprints milan stazione centrale

planet

Il pianeta chiede rispetto

Il pianeta chiede rispetto

Il pianeta chiede rispetto, le coccinelle rischiano di diventare un simbolo di quello che era. La notte i pipistrelli volano rasoterra, al tramonto le rondini accarezzano le macchine in marcia. Il cielo è sempre più dipinto, come a voler svegliare l’emozione dormiente.

Feeling is Believing

Il miracolo del credo: il credo è la forza assoluta, è un dono, è un dono di ricerca. Essere disposti ad affrontare le mille domande, senza avere paura di smarrirsi perché la bussola è l’amore, l’amore per la vita.

feeling

Nel tempo avviene che troppe incomprensioni, incoerenze si incontrano, si soffre per le visioni che nella debolezza cedono a facili ascolti, visioni a volte giuste, altre sbagliate. Ma non importa, tutto va visto, tutto va sentito, tutto deve essere prima sentito, e poi visto, perché vedendolo possiamo girarci intorno, vedere la testa o la coda, il profilo, distinguerlo se inganno o verità, ma in entrambi i casi sempre insegna, basta distinguere. La forza del credo è credere a quello che si vede nell’aria. Lo vedi solo tu, devi crederci se vuoi crescere, devi soffrire, devi arare il tuo cuore, se vuoi che venga fuori un buon frutto, non devi  dare ascolto al pubblico, ora il pubblico sei tu, gli altri sono semafori, sono complici, sono antagonisti, sono un tutt’uno in te, se tu lo desideri. La forza del credo è quando ti svegli, e hai la forza di attendere, di rinunciare a sudditare per il gusto di coloro che amano farsi sudditare, la forza del credo è costruire il proprio percorso, come quando si scende da un fiume, usando i remi per guidare il proprio essere. La forza del credo è quando credi, che tutto è uno, e uno è tutto, quando riesci a mettere il mondo dentro un chicco di riso, e fare di quel chicco di riso il tuo mondo. La forza del credo è quando ti svegli, ti addormenti, e sempre vinci il tuo drago, perché in ognuno di noi esistono draghi, che ci assalgono, ci fanno vedere tutto in maniera distorta. A volte ci fanno sentire le malelingue di un amico, che nella sua insicurezza si esalta abbassando la nostra presenza, noi soffriamo per la bassezza, ma solo lo scudo dell’amore ci protegge da noi stessi, dalla nostra rabbia, solo il tempo ci risponde vittoria. La forza del credo è farsi crocifiggere, per credere di risorgere, e risorgere per donare fede sul credo, perché solo la verità è realtà, l’inganno è frutto marcio, travestito da frutto buono, ma non ha nutrimento per la nostra crescita, ma solo nutrimento per il nostro terreno di ricerca. Prendete tutto il marcio del mondo, concimateci la vostra ricerca, non disprezzate l’inganno, perché è il frutto non curato, non siete voi, voi siete il contadino, che cura l’albero, non nutritevi di esso, riponetelo sul terreno, diventerà il vero cibo di vermi e radici. Ho visto vecchiette fare di una frittata la pace tra famiglie, ho visto anziani togliere mali attraverso spighe di grano, ho visto farfalle provocare col solo battito d’ali uragani, ho visto, e ho sentito nella fede, nel credo, e nella preghiera fatta a bocca chiusa, occhi chiusi, cuore spalancato, cuore che vive la passione, ho sentito forza, ho sentito soccorso, ho vissuto miracolo, miracolo visto nelle cose più insolite, nelle cose più piccole. Pregate con fede, pregate con cuore, augurate al Vostro nemico di trovare la strada del cuore, augurate ai Vostri carnefici, di convertirsi, perché loro non conoscono il dono della luce, augurate bene, non augurate mai male, perché il male continuerà a lacerarvi, continuerete a nutrirvi di frutti marci. La forza del credo è quando tu credi che tutti i nodi vengono al pettine, e quando sei pronto ad aiutare, e a farti aiutare, quando si sciolgono i ghiacciai, quando l’acqua fluisce, nutre, disintossica, rende fertile qualsiasi terreno, perché l’acqua è vita, vita che merita rispetto, perché anziana creatura dell’universo. Quanta passione per i Maya, per extraterrestri, quanta passione per L. da Vinci, quanta passione per tutto ciò che è stato scritto, ma perché non iniziamo a leggere attraverso la geometria di una foglia di una comune pianta, e non ritorniamo ad osservare la comunione tra formiche, oggi tutti fanno corsi (termini assurdi), il mio corso che seguo, da tempo, è il cielo e la terra, mia maestra è la natura. Se butto un cerino in un pagliaio provoco un incendio, l’azione è semplice, la reazione è disastro, ogni nostra piccola azione ha delle conseguenze, anche tra estranei provoca delle conseguenze, anche tra chi non ci conosce provoca delle conseguenze, conseguenze che sono legate per sempre a noi, perché le abbiamo causate.  << Siamo agnelli in mezzo ai lupi, bisogna stare restii come serpenti, e limpidi come colombe, e poi dobbiamo amare, amare, e ancora amare,e se qualcuno ci sta per ferire consideriamoci già armati perché non esiste spada più tagliente dell’amore >> (Gesù di Nazaret).

Is Believing

Non esiste protettore più importante, più potente di tutto ciò che ci circonda nel tempo, perché nello spazio tutto è compiuto, nello spazio tutto è. Credo che generazioni di specie, non siano altro che un battito di ciglia del Padre, per quanto l’uomo arcaico abbia pensato di edificare mura, castelli, templi, il Padre è molto oltre qualsiasi pietra, qualsiasi parola, il Padre è memoria, è coscienza, è luce, è sogno, il Padre è presente in ognuno, il Padre è il prossimo che incontri, il Padre è in te, il Padre è in noi.

BEYOND

Moon

A volte anime a cui noi siamo cari ci vengono a trovare per pochi istanti attraverso canali che si prestano nei piccoli gesti, di ciò che riusciamo ad osservare. La vita è un gran miracolo. Chi ci ama sarà sempre presente attraverso l’amore. L’amore è l’aria, la luce e tutto ciò che si riesce a scorgere dal quotidiano. La vita è amore che non abbandona mai. Dai tempo al seme, perché già grande albero vive in te, vive nello spazio.

Moon

Ci sono notti che mi fermo, osservo il mio pensiero, gli chiedo di rivolgersi alla coscienza che tutto vede e tutto sa, gli chiedo di divenire un tutt’uno, albero foglie, gli chiedo di essere una foglia, gli chiedo, mi chiedo, cerco di capire, come, come un mio coetaneo, forte, forte in fede, in credo, decide di togliersi la vita, gli chiedo, mi chiedo, lo chiamo a me, attraverso respiri lenti, gli avrei telefonato, presto, lo avrei cercato, lo avrei riabbracciato presto, perché lui era sempre vicino, lui era un fratello, e continuavo a domandarmi del suo gesto,  e perché non mi avesse telefonato, non mi avesse utilizzato, e continuo la ricerca avendo fede, fede nella scintilla del Padre che alloggia in ognuno di noi, e in lui amico mio, era presente, era presente la sua fame di Verità, era da sempre alla ricerca.

Moon

La notte, nel sonno a volte lo chiamavo, pronunciavo il suo nome, non cercavo disturbare nessuno, sotto voce come quando si passa sotto casa di un amico, ogni notte, nella mia pausa, vedevo l’androne del palazzo, palazzo ipotetico, in cielo non esistono palazzi, e per la felicità dei bevitori di caffè come me, nemmeno alimenti, in cielo l’unica cosa che esiste è una, e si chiama gioia, gioia non da vivere, quella si può percepire e nemmeno vivere per pochi istanti, nel cielo noi siamo gioia.

Moon

Ero appena uscito da un’incomprensione Karmica, a volte le alchimizzo facendo del mio nemico il mio maestro, e trovando dono del dolore, trovo altro spazio per la gioia.

Moon

Ero in macchina, ma più che in macchina stavo continuando a leggere il libro della mia vita, ero ritornato indietro di qualche passaggio, quando all’improvviso un ragazzo mentre che guidavo mi rincorre con la sua vespa per comunicarmi che avanti a me c’era un autovelox, io non stavo correndo, non corro facilmente, o comunque cerco di essere sempre presente, sono cosciente che ho un corpo, e non desidero dal profondo danneggiare nessuno, non desidero ignorare il dolore che potrei causare, a volte lo vivo come se lo avessi fatto involontariamente, sento un reale soffocamento.

Moon

Questo ragazzo in sella alla sua vespa, mi rincorre, il tempo di girarmi, risvoltare immediatamente le pagine del mio libro, lo vedo, era lui, il mio amico. Non ebbi una visione, era lui attraverso un canale disponibile, attraverso una predisposizione di un nostro coetaneo ho trovato un nuovo capitolo, un nuovo capitolo donato da un mio caro amico.

Moon

La Vita è il più grande dono che abbiamo ricevuto, rinunciarci significa anche offendere Colui che ci ha donato questa occasione, in fondo però cerco di vedere, vivere, sentire, colorare, le pagine del mio diario. Ho una grandissima fede nell’amore, ho una grandissima fede nel Padre dei padri perché lui è amore, lui è perdono. Rinunciare al dono significa non rispettare il Padre, il Padre è amore, il Padre perdona, e ci ama, ma privare chiunque della nostra presenza, in qualsiasi modo la si voglia mettere, e fuggire dal libro della nostra vita, non continuarlo a leggerlo, privando il prossimo del nostro racconto. Tutti hanno una storia da raccontare, io credo nel mio racconto. Credo che l’espressione dell’infinito è presente attraverso le cose più piccole, come la tosse di un neonato, il cinguettio di un uccellino, come la rugiada sopra una foglia, come anche lo sguardo di un apparente estraneo.

Moon