Archivio della categoria: spazio fluido

He lives of Art, and his own Art is nourished by his love.

Italian

DOCUMENTARY 

Da grande voglio fare il Santo.

Da grande voglio fare il Santo.

Edited by Maria Cristina Torrisi

His Art is dance. It’s prayer.

He has traveled, he has seen, and he has witnessed life. A life that he wanted to dedicate to Love, Union, to the desire to see beyond that “beyond” that has no limits, nor spaces that border.

The key messages of his precious work are peace, serenity, harmony, contamination of positive energy that can bring about a dialectic linked to a universal language.

Claudio Arezzo di Trifiletti is the dreamy and concrete artist. He grew up in the city but has always savored nature, immersed in the countryside, falling asleep underneath the stars. He loves nature because he believes in its immense creative force that is already prayer. “I continue to create, I find my prayer there.” And his prayer is also revealed in the intimacy of the work that proves him to be a Mediterranean artist: “A brush glides, crosses, traces. Lines meet, creating containers, bodies embrace, which narrate the life that continues. ”

In his poetry “Lampedusa” he reveals: “There is a kind of intelligence that enhances the experience of living, an ‘emotional intelligence’:  the ability to feel, to be moved, to ‘understand with one’s heart.’” You have to create a fairy tale to live better.

The artist is a man first of all, a man who doesn’t pretend, whose heroic act is a tangible testimony to the authenticity of the works that he realizes: “a hero is the one who lives in a story that does not revel, who fights monsters by making peace, humiliates the enemy by loving him; the hero does not ask for compensation, he does not live among incense, he does not ask for consensus, he has a heart that burns, and a soul where words have a following. The hero does not fight for himself, but for those he loves.  A hero does not exist without love,” he says.

Love for Life, in the sacred sense of the term, is widely found in his works:

“It is chromatic dynamism in a burst of colors that bring a dreamlike dimension to the existing combination of myth, philosophy and dream. In fact, these are the elements that characterize the work of Claudio Arezzo di Trifiletti that are manifest to the fullness of life and the “magical visions” that contrast between what is real and what is fictional.

Faces and figures that follow, intertwine, amalgamate in order to undertake a journey, a spiritual journey as well. In the characters there is the artist, the soul of the “creator” who expresses himself with his thoughts, free and constantly evolving, in the constant pursuit of self-knowledge. And here he reveals himself, through his work, to focus on the concepts, the wise philosophy of man who devotes his life entirely to art to “surrender to the world” and to entrust especially his “inner dimension”.  Keen observer of what is around him, in his work the soul emerges, free from any social convention. The spirits of those who flee from appearance to actually give life and voice to the essential emerge. “

He is a figure of light, no doubt. But we would like to find out more: in what context does he live? How does he work? What energy feeds his thought as a charming and charismatic man? Who really is this artist considered multi-talented?

Lavinia D’Agostino writes of him: “He transforms everything that happens to end up in his hands: from an old TV set to a plow disc, from an old family ring to the one found in the dumpster. Claudio Arezzo di Trifiletti, a direct descendant of the Sicilian noble family, is a versatile artist.”

Steeped in Christian faith and a strong spirituality, he lives in a house that looks like a museum with a large private collection of paintings, installations and many memories. “For me home means a nest, protection, container, warmth,” he says welcoming us. Already on the landing there is a large mural: “It represents the union between East and West – explains the artist – with candles on Japan, in memory of the Fukushima disaster.” Below are the stones, from Mt. Etna, and even pieces of wood carvings and because the artist lives in a world of connections where nothing is random, for his art is inspired by objects, or rather, by the vibrations that they transmit, the story that they bring with them. “I very much believe in the vibrations of the earth through which we are connected with the whole world.” Claudio defines himself as a tool, rather than an artist, an intermediary of a higher project: “When I paint I’m in a state of semi-trance, everything is prompted by feelings, emotions and signals.” Whatever his inspiration might be, in the large apartment in which he lives, on a fifth floor in the center of Catania, you can breathe a positive energy. Here everything is colored, painted, regenerated.

Claudio Arezzo di Trifiletti is a man with special sensitivity, perhaps old-fashioned, but still rare. After a trip to India he understood that he had to follow the road of art. From there the first exhibitions. First in Paris and then at the Empire State Building in New York where he took the fruit of a work that for 68 days had all of Manahttan as its subject. That’s how Imprints  was born: his great artistic project that connects the world through the footprints left by passers-by. In these years he has collected footprints in 15 countries, and once he was back home he painted them turning them into magnificent works of art.

Imprints is just one of the many projects he has carried out in recent years. Moved by the desire to sow love and union, for three years he sent a piece of the same canvas, along with a message of peace, to the Italian ambassadors abroad and foreign ambassadors in Italy.

Francesca Cuffari, in her precious interview, uses opening words so dear to the artist:

“Art is his life and his life itself is art, in a seamless relationship, in which man is ‘a spark within a body’.” An expression so dear to the artist from Catania recognized throughout the world for the important communications-contamination activities in which he is personally involved.

But what it is art for him? “It is a companion with whom to share one’s life, not just a profession to be exercised in time. It is an integral part. Picasso supported the idea that art was a deception capable of telling the truth. How can we contradict him?”, he reveals in his interview.

“My idea is to convey the feeling of a boy who raises a thousand questions. My road is projected to find the child that I have inside. Because children are the expression of purity. They do not feel the desire for possessions, but only want to capture the attention of adults. If I became an adult I’d act out the script of a crisis, of grayness and of those everyday speeches. But the real crisis, one that few talk about, is the crisis of thought: we constantly see prepackaged thoughts and without content and that is boring.”

The artist reveals “a creativity all-round”. Over the top, not classifiable. For years he has gone through the process of research in a constant coming and going between the past and the future without forgetting the child that is inside. A sensitive soul that draws lifeblood from his Catania, “which has the power of a volcano set in the land of the three peaks, Sicily, but that still lives in a condition of conservatism.”

The concept of Art takes on many forms. For him it is pure vision put into circulation.

Imprints in the Minoriti courtyard of Catania is also a story you will not forget: “Take the weight of each footprint, dance around them, bind them through love, travel inside the union, feel the warmth, get lost inside their heart, and then relax, look at all the colors.”

And then, here is the force of nature benevolently imposing itself in the leaves in geometric shapes. 39 paintings. Like the watermark of a leaf, as unique as the painting, and at the same time linked with the others as they all come from the same tree. They are leaves collected during a sunrise. Path, tool, travel are three words that precede the dream. We are all leaves from the same tree.

Claudio Arrezzo Trifiletti is many steps ahead. His Art certainly denounces, denounces the evils of the world, but also finds solutions. Thoughts on the writing of “Breathe Art Catania” are a good example: “Catania excites me, it is a soul singing, a dancing heart” …

“I walk, I meet, I see, and before that I feel,” he says. Yes, because through painting, he decodes what he cannot see but what he can feel as his guides are inside feelings. So what warns the artist in the expression of his work, through the colors that bring him to a higher dimension? In his Spring Acrylic painting, he expresses the dimension of thought, which dips into the horizon of a spark that is born to love; in fluid painting the eye sees and reflects what he feels; constructing the acrylic painting confirms his faith on the understanding that “all things are possible to those who believe”, that “love is the center of the Universe” and even “Sovereign of all life is consciousness” and that “there is no growth without error”.

In this “fantastic” trip, he continues his colorful visions in his works: Family acrylic paintings, Codes, Imprints Venice and even poetic Act Venice, in that place which is witness to inspiration: “imprinting means leaving traces.”

And there is his connection to Venice Italy needs love. The happy future is to look beyond appearances. “When we are connected, words are superfluous.”

It’s a path. Claudio Arezzo di Trifiletti takes us by the hand: Moments Acrylic Paintings, Red Blue, Conceptual Art, Memory Artist Sicily – in which the concept of memory, symbols, and geometry that chooses the center emerges, leading to balance – Also, Introspection & Garden, Lighting and Resolution, Concentration, Reconstruction, Contemplation and Regeneration …….

And then the volcano Aeolian Sicily Acrylic paintings.

How to define the explosion of ideas, thoughts, energy?

Daniela Aquilia, in her review, writes that the source of inspiration are not objects, places or people, but the energy emanating from the matter which becomes the track on which to paint the hectic contemporary communities, bombarded daily by the media. A key to understanding the artist’s work is the underground culture.

There is light in his works like in Notes of Light, described by Carmelo Arezzo Trifiletti as “work that expresses energy and color balance.”

cellula

Prendete un foglio bianco, guardatelo attentamente, fissatelo, osservate la luce, entrate dentro le venature, miliardi di puntini daranno sfogo alla Vostra immaginazione, non abbiate paura, uniteli, vedete ciò che non si vede, disegnate ciò che sentite vedere.

cellula

cellula

ART IS LOVE

The importance of a poetic act, the importance of implementing the love for your ideas.

ART IS LOVE - SICILY

ART IS LOVE

That love which is needed to shake everybody’s soul, because we are divinely so: colured individuals who influence the global vision, the divine vision.

ART IS LOVE

 Thus, only being together and whirling dizzily, we create Light

ART IS LOVE

Photo Marialaura Ontario – Collaboration Ottavio d’oTs – Project Claudio Arezzo di Trifiletti – Painting: Il Divino “316-2010”

ART IS LOVE

Catania – Giovedì 22 marzo ore 18.30 – BENE MERENTIBUS

Giornata mondiale dedicata ad un bene insostituibile: l’Acqua, all’interno dello Spazio Fluido in Viale XX Settembre 28, in contemporanea all’esposizione delle ultime opere di Claudio Arezzo di Trifiletti, verrà presentato il progetto “Italy needs love”, sequenze di immagini volte a creare un documentario artistico o a comporre un corto subliminale, il cui fine è scrutare le opere nei particolari del patrimonio culturale del nostro paese

TIMES SQUARE

TIMES SQUARE

– a commentary by Nicholas B. Daddazio 12 April 2007 New York City
“I want you to step all over my canvas; wipe your dirty shoes on it! Please…” Claudio Arezzo di Trifiletti, the native son of Catania, Sicily, says this in Italian, though, to passersby on 34th Street, or Canal Street, or Park Avenue, or Wall Street, or the Brooklyn Bridge, or one of thirty other locations in New York City. He likes to prepare all of his canvases with the ” Imprints of ‘energy’ ” from a particular location before he actually paints his vision in the moment over the traffic-splotched footprints on the onceclean canvases. In a two-month sojourn he completed thirty paintings that are now on exhibit in one of the most energetic, famous building in the world: The Empire State Building. Like a beacon, his IMPRINTS exhibit looks out of the 36th Floor windows at all the different locations embedded and hidden in each painting.

TIMES SQUARE

Transcending reality are figures and lines corresponding to a nexus in mind to be re-interpreted by brush and paint the pull of the canvas. Look closely and you will see human-like images dancing, ascending, arising, as though in a dream or shadows flickering intensely on city walls and trains. There is always movement. There is always color. There is always the hidden presence of the invisible imprints. Walking through the maze-like exhibit during daylight is exhilarating and overwhelming because of its intense beauty, meaning, and flow. At night, after the sun has set, the city is transformed into a carpet of flickering lights in the darkness of outer space. IMPRINTS is transformed as well into a mystical visual experience like watching shadows dancing alongside ancient cave drawings. Each canvas has a life of its own that began when the “world” pressed its energy into the fibers that eventually gave birth to a new artistic creation. Taking this concept one step further, three canvases reflect the energy of a sculptor, a dancer, and an artist who paints labyrinths. The sculptor created a giant necktie from an old, dirty, paint-stained cotton drop cloth. The dancer performed a choreographed dance on top of the stretched-out canvas. And, the artists who painted the labyrinth did so while on location on a busy New York City street. It is very difficult not to feel an unbroken, invisible connection between each painting as you wander through this magnificent exhibit, which is in one of the most important intersections on the face of our planet and in one of the most majestic buildings in the world.

SPRING IN NEW YORK

SPRING IN NEW YORK

THE WORLD DEPENDS ON A FLAME LODGING IN EACH OF US.

SPRING IN NEW YORK

To the Well Deserving

LOVE WORLD

LA MIA FAMIGLIA STA UTILIZZANDO IL MIO CUORE PER COLTIVARCI VELENO. STA INASPRENDO SEMPRE DI PIU’ IL MIO ANIMO. PARLANO DI CIVILTA’, COMPORTANDOSI DA SCIMMIE.

WORLD

PONTI, AUTOSTRADE, ALTA VELOCITA’, INCENERITORI, NUCLEARE, PRIVATIZZAZIONE, QUESTA E’ REGRESSIONE. IL PROGRESSO E’ SENTIRE CHI STENTA A VIVERE A POCHE ORE DI VOLO. EVOLUZIONE E’ LAVORARE PER LA NATURA, COSTRUIRE UN NUOVO FUTURO. UN FUTURO SENZA BARRIERE, DOVE IL TEMPO HA I SUOI SPAZI. DISCARICHE, CIBO PLASTICO, CEMENTO E PETROLIO, LOTTANO DI CONTINUO LEGNO, TERRA, OSSIGENO, E CONTENUTO.

LOVE

LA CIVILTA’ E’ CONFRONTARE LO SVILUPPO COL BENEFICIO. BENEFICIO E’ GODERE DI UN PIANETA SANO. GODERE DI UNA VITA DEMOCRATICA GLOBALE. FIDATEVI DI CIO’ CHE SENTITE. LOTTIAMO ATTRAVERSO L’AMORE, PER CIO’ CHE SENTIAMO.

slowly

LE COSE VANNO FATTE, NON PENSATE, PERCHE’ SOLO QUANDO LE REALIZZEREMO, PENSEREMO A QUELLO CHE STIAMO COSTRUENDO. LA RISPOSTA NON SARA’ COME CI SENTIREMO, MA COSA DIVERRA’ IL NOSTRO RAPPORTO NEL PROSSIMO, CHI SAREMO NELLA REALTA’ DEL GIORNO CHE VERRA’.

L’unico Vero potere che conosco, è il cuore, è la vita.

house museum - claudio arezzo di trifiletti

Crederci, crederci e ancora crederci, pazientare, resistere, costruire, evadere per alcuni istanti, sognare per altri, approfondire nel tempo, dormire, correre, accumulare energie, comprendere i tempi, soffrire e riflettere su quanto siamo privilegiati.

house museum - claudio arezzo di trifiletti

Piano piano, mattone su mattone, edificherò il mio sogno.

art exhibitions - claudio arezzo di trifiletti

 

claudio arezzo di trifiletti 2006

176 - il saluto

176 – il saluto

Dietro un’apparente ipocrisia, si cela un pensiero negato. 

180 - uscire dal buio

180 – uscire dal buio

Quali obiettivi vuoi realizzare con questa tua mostra?

Attraverso i miei dipinti vorrei riuscire a stimolare la coscienza della gente, spingere le persone a riflettere di più. Oggi non siamo più abituati a condividere sentimenti ed emozioni, viviamo con un costante atteggiamento di chiusura e alienazione, i semplici gesti che trasmettono emozioni, come l’abbraccio, non vengono apprezzati o addirittura vengono fraintesi. Le persone stanno dimenticando cos’è l’amore perché lo identificano con la pace, in realtà si tratta di due cose diverse: la pace dell’essere può essere raggiunta anche nell’isolamento, l’amore presuppone condivisione di emozioni ed empatia.

182 - il costume

182 – il costume

 Quando ti sei reso conto di possedere una vena artistica?

Già da piccolino avvertivo un forte bisogno di esprimermi. Sia a scuola che in famiglia ero assente, mi rifugiavo in una dimensione interiore che mi permettesse di estraniarmi dall’ambiente reale e di vivere in un mondo tutto mio, alternativo, più ricco di quello reale. Sono sempre stato un attento osservatore del mondo e della gente. Io credo nella reincarnazione: un mago una volta mi disse che in una vita passata ero un eremita… in questa vita, al contrario, ho deciso di esprimere e condividere anche la mia dimensione interiore. Ho iniziato ad esternare il mio desiderio di espressione ed interazione col mondo, dedicandomi ad attività che mi permettessero di stare a stretto contatto con la gente. All’epoca ero un sognatore: ho aperto una discoteca allo scopo di creare una dimensione al di fuori del reale, una sorta di oasi, un’isola dove la gente riuscisse ad essere sé stessa, mettendo da parte l’apparenza. Essermi addentrato in quel mondo, mi ha permesso di capire tante cose: innanzitutto il continuo contatto con la gente ha affinato la mia capacità di comprendere le persone, mi rendevo conto che quelle che mi circondavo non erano felici e che io mi arricchivo coltivando i vizi e le infelicità altrui. Ero sceso a compromessi con un tipo di società (occidentale, consumistica) che non ti impartisce regole di vita, ma obiettivi standard. Grazie a questa esperienza ho però avuto un’illuminazione: non tutti i mali vengono per nuocere, i mali ti si presentano nel corso della vita per permetterti di conoscere e capire la vita stessa, per presentarti cos’è la vita. Stanco di quel tipo di vita, ho deciso di andare a vivere per un periodo in India alla ricerca di nuovi stimoli: ho così intrapreso un percorso di crescita spirituale che mi ha permesso di giungere alla comprensione che ho oggi. Ho capito che è possibile ed è bello costruire qualcosa di importante non con i soldi, ma con la creatività: ho iniziato a dar spazio alla mia creatività investendo e canalizzando la mia energia attraverso un percorso che non intacca i miei ideali, i miei principi, i miei valori. Ho deciso di dedicarmi interamente all’arte! Inizialmente non volevo esporre le mie opere… poi sono stato convinto a farlo: così sono ritornato ad appartenere al mondo!

184 - vivere la passione nel costume

184 – vivere la passione nel costume

 Cosa rappresenta l’arte nel tuo percorso di vita?

L’arte è ciò per cui vivo. Ho ricevuto allentanti proposte di lavoro al di fuori della Sicilia e anche dell’Italia, ma ho rinunciato, scegliendo di seguire un percorso inverso rispetto a quello standard. In Sicilia, realizzare progetti ambiziosi, farsi conoscere, acquisire visibilità, riuscire a diffondere tramite l’arte un messaggio, è particolarmente difficile. Molti, scoraggiati dalle difficoltà, vanno via, rinunciano a lottare per valorizzare le tante risorse che la nostra terra possiede. Io credo che sia giusto rimanere per esprimere qualcosa, per dare degli input, per lasciare alle generazioni future degli stimoli che li spingano a rimanere, evitando così che le risorse migliori vadano via e quelle mediocri rimangano.

187 - la maternità

187 – la maternità

 Qual è la tua visione dell’arte in relazione alla realtà?

Oggi tutte le forme di manifestazioni artistiche sono appiattite, statiche, standard. Io voglio invece che ciò che faccio vada al di la dei canoni e delle regole, sia qualcosa di originale che esprima la ricchezza e la varietà della mia dimensione interiore. La società tende ad omologare, ad appiattire le diversità, io penso invece che bisogna valorizzare la profondità infinita dell’individualità dell’essere umano. Per me l’arte non è riproduzione fedele e precisa della realtà esterna, ma espressione della dimensione interiore dell’uomo.

188 - il figlio di mamma

188 – il figlio di mamma

Chi è Claudio ?

E’ un ricercatore! Un ricercatore che cerca di comprendere e spiegare agli altri l’irrazionalità e l’energia che l’essere umano possiede e che una persona comune potrebbe definire pazzia. Credo che l’arte sia anche una religione, una filosofia, uno stile di vita. Attraverso l’arte, esprimiamo quei pensieri e anche quelle follie che arricchiscono la realtà. A livello economico la mia attività non mi dà molto, mi dedico all’arte per un altro scopo… lasciare all’umanità una quantità di opere d’arte talmente grande da permettermi di essere ricordato nel tempo.

191 - Madonna Mia gli Angeli accanto a Mia

191 – Madonna Mia gli Angeli accanto a Mia

Quale, tra le tante manifestazioni artistiche alle quale ti dedichi, ti soddisfa di più?

Il mio sogno è che qualcuno (sicuramente una persona fuori dal comune, con una notevole forza interiore) mi proponga di ridisegnare una piazza, magari quella di una zona periferica e socialmente degradata. Avendone la possibilità, riempirei tale piazza di spazi verdi, laghetti, piccole cascate, alberi particolari, creerei sotterranei dotati di oblò dai quali “spiare” il mondo dal basso, scriverei poesie sul pavimento, darei alla gente che la frequenta la possibilità di praticare la cromoterapia… darei vita ad un luogo capace di dare emozioni, progettato e costruito a misura di bambino.
Non accetto il nostro mondo così com’è, per questo sogno di costruire io un mondo diverso in cui vivere: un progetto che sto cercando concretamente di realizzare riguarda il palazzo in cui vivo, che vorrei completamente ridipingere.

 Secondo te, perché la tua mostra dell’anno scorso è stata riconfermata e riproposta al pubblico?

Sicuramente perché il comune mi ha dato dei riconoscimenti e perché ho potuto contare sull’aiuto di importanti collaboratori.

 Chi è il tuo pubblico? Cosa pensi di lui?

Non mi importa che le mie mostre siano frequentate da gente ricca o importante, mi interessa che ci siano le anime.
In realtà non posso dire di avere già un pubblico: non sono ancora molto conosciuto come artista. Le persone che visitano le mie mostre, in generale, credo siano persone semplici che vivono poco l’arte e la conoscono solo attraverso i libri e la tv. Una scarsa conoscenza dell’arte spesso spinge la gente a fare delle associazioni superficiali tra gli artisti: mi è capitato in passato di essere paragonato a Munch, in realtà il confronto non mi piace… ogni opera d’arte è un capolavoro unico perché espressione dell’individualità di chi l’ha creato.

claudio arezzo di trifiletti

C’è qualche particolare curioso, riguardante le tue mostre, di cui vuoi parlare?

Nonostante l’importante aiuto dei collaboratori, cerco sempre di fare il più possibile da solo, soprattutto per quanto riguarda l’allestimento degli interni in cui le mostre vengono realizzate. Per esempio, per me, è importantissimo l’utilizzo dell’incenso (lo considero un richiamo per gli angeli) e delle candele (bruciano ciò che di negativo c’è nell’aria e rappresentano uno strumento di comunicazione con l’aldilà).
Una volta, a Parigi, a causa di problemi tecnici, per l’allestimento di una mostra, decisi di ricoprire l’intero pavimento di foglie secche (raccolte da me) per coprire il pavimento.

 Qual è il significato dei “painted smiles” ?

Si tratta di sorrisi “di facciata”, fatti con il viso, ma non con il cuore… sono i sorrisi delle persone che vogliono apparire felici, ma in realtà non lo sono… sono i sorrisi di chi nasconde la propria individualità dietro il conformismo di una società dell’apparenza… sono il simbolo dell’ipocrisia di un mondo che ostacola l’espressione della nostra interiorità. I “sorrisi dipinti”, esposti alla mia mostra, in realtà, sono immagini che ricoprono dei quadri preesistenti, dipinti da me in passato e carichi di angoscia. Con i miei quadri voglio diffondere dei messaggi in grado di raggiungere la gente… la gente non avrebbe mai apprezzato i dipinti “nascosti sotto i sorrisi” perché troppo carichi di sensazioni negative. Inoltre, riempiendo con macchie di colore delle forme precostituite, conferisco al dipinto un nuovo significato… si tratta di una tecnica che valorizza l’imperfezione della macchia di colore.

 Cosa ti aspetti dall’inaugurazione della mostra?

Quando uno stimolo esterno ci colpisce, questo ci lascia qualcosa dentro: voglio che i miei dipinti colpiscano la gente, suscitino nelle persone delle emozioni, facciano emergere gli stessi pensieri che io ho provato mentre creavo l’opera.

 Quali sono i colori che preferisci?

Ogni colore ha uno specifico significato perché suscita delle emozioni ben precise. Sicuramente non potrei mai rinunciare al bianco, al rosso e al nero. Mi piace particolarmente il viola per il senso di mistico che trasmette. L’arancione mi fa pensare al tramonto e quindi alla fine di qualcosa e l’inizio del nuovo giorno, l’azzurro mi da il senso dell’ infinito (perché è il colore del cielo), e così via.

 Progetti per il futuro?

Dopo aver raggiunto i miei obiettivi in Sicilia, voglio perseguire l’obiettivo nazionale (ho già in programma per il prossimo inverno delle mostre a: Ferrara, Roma, Milano e Bologna) ed internazionale.
Voglio che dopo la mia partenza, la mia casa, con tutte le opere d’arte che contiene, rimanga aperta al pubblico.

 Hai mai dedicato dei quadri a qualcuno ?

Lo faccio sempre. In tutte le mie opere inserisco qualche elemento legato al mondo e alle persone che mi circondano. Qualsiasi stimolo esterno che mi lascia un segno dentro, viene in qualche modo rappresentato nelle mie opere.

BENE MERENTIBUS

catalogo 2012 claudio arezzo di trifiletti

BENE MERENTIBUS”, il nuovo catalogo di Claudio Arezzo di Trifiletti, è significativo della sua attività tanto intensa quanto sono stati gli avvenimenti storici di quest’ultimo anno che hanno travolto l’intera umanità. La catastrofica vicenda del Giappone ha ispirato la performance  “Una Candela per il Giappone”, l’insorgere delle rivoluzioni in Nord Africa e in Medio Oriente nella fase nota come primavera araba non ha risparmiato il Cairo, ultima tappa di “Imprints 2010”, progetto di pace itinerante che l’artista porta avanti dal 2007  stendendo tele nelle strade più strategiche e cogliendo, al momento di dipingerle, le vibrazioni dei passanti che le hanno calpestate. La speranza disperata dei popoli che fuggono dalla guerra e dalla povertà impregnano Il Manifesto a favore delle Risorse Extracomunitarie e se la decadenza del sistema capitalistico in Occidente conduce al  risveglio delle menti dormienti ed  alla presa  di coscienza, è l’artista che impone di scegliere, prendere una posizione come nell’istallazione “bianco o nero” e ad avere il coraggio delle proprie idee,  il coraggio di creare. Il Manifesto  “Sempre pronti” è un inno alla genuinità, alla liberazione  dagli inutili e anacronistici orpelli ed alla voglia di tornare al rigore, come essenziali sono i disegni “23 Pagine Nuove”. Il  rispetto per il pianeta  risuona nelle ultime installazioni e la foglia di Ricino, custodita all’interno del catalogo, come geometria e simbolo dell’amore per la vita in ogni sua forma, si ricongiunge all’omaggio a Tiziano Terzani.

claudio arezzo di trifiletti

Catania – giovedì 22 marzo 2012 ore 18.30   

Giornata mondiale dedicata ad un bene insostituibile: l’Acqua, all’interno dello Spazio Fluido, in contemporanea all’esposizione delle opere presenti nel catalogo verrà presentato il progetto “Italy needs love”, sequenze di  immagini volte a creare un documentario artistico o a comporre un corto subliminale, il cui fine è scrutare le opere nei particolari del patrimonio culturale del nostro paese.

Marella Di Grande

Esiste anche un sistema che unisce più professionisti in un unico pensiero che reagisce costantemente attraverso un incontro dettato dal tempo.

SPAZIO FLUIDO

Viale XX Settembre, 28 – 95129 Catania tel. +39 095 315475 – fax +39 095 2501196

La svolta è interiore rivolta

La svolta è interiore rivolta

CATANIA NEEDS LOVE

Catania Stazione Centrale

Stazione Centrale

Catania Villa Bellini

Villa Bellini

LA VERA IGNORANZA LA COMBATTE IL CUORE.
Casa nel cuore, casa nel sole, luna di miele, stelle d’argento, uomini veri, cuori che viaggiano dentro l’anima che parla.

Catania Borgo

Borgo

Catania Borgo