Archivio tag: Argilla

Prime numbers

Belle persone travestite da cattiva gente, viceversa il costume cambia colore ma non contenuto. Numeri nati nel tempo cercano spazio. Strumenti, movimenti, dialoghi familiari si dileguano in cortili elementari, estranei, ricordi d’infanzia affiorano.

numeri primi

Avevi altri tempi, ragionavi su binari paralleli, procedevi con altri schemi, non riuscivi a comunicare utilizzando un codice base. Solitudine di una luce splendente, occhi irradiano poesia, sfuggono dall’ipocrisia, pesci rossi nuotano dentro la vasca, la luna entra dentro il pozzo, si rispecchia nell’acqua ferma, protetta.

mezzanine living

Giganti sentono a distanza il fuoco ardere, isole camminano, ci vuole lo scoccare della goccia per dar nota alla rivelazione, candida, soave illumina in profondità la grotta. Occulto, il buio non è mai privo di stelle, bisogna custodirle, nutrirle contenendo il vapore delle nuvole, il vento dentro il ventre, alleggerendo il carico dell’ingiusto, sentire il procedere della giustizia come arco infinito.

architecture

Architettura, figlia del disegno della luce. Mi esprimo con moderazione, il mio spirito è legato a questa terra. (Palazzo Speciale Arte Contemporanea)
Architettura, figlia del disegno della luce. Mi esprimo con moderazione, il mio spirito è legato a questa terra. (Palazzo Speciale Arte Contemporanea)
Due mani, un tocchetto di argilla, il tempo che le preghiere arrotondano attraverso il moto circolare. Impronte affievoliscono il passaggio, saliva ne prende memoria, vibra la forma. (Pianetini di Pace MIa)
Due mani, un tocchetto di argilla, il tempo che le preghiere arrotondano attraverso il moto circolare. Impronte affievoliscono il passaggio, saliva ne prende memoria, vibra la forma. (Pianetini di Pace MIa)

intellectual art

Quei fantastici pianetini

La forma perfetta, l’acqua arrotonda lo spigolo, la goccia modellata dal vento, l’argilla umile e potente elemento terra, assorbe l’energia della preghiera. Tondi, morbidi, il tempo li colora, in continua mutazione sono memoria di pace, a riempire un ferro fuoriuscente, a connettersi nutrirsi del loro sguardo, sposarsi discretamente con la pietra scolpita. Sentire prima di vedere, le mani li arrotondano in un mondo senza barriere, armonici parlano, suonano l’inno alla luce del fuoco, emanano calore, fra vento e pioggia loro vivono, respirano, rendono il passato presente, il futuro contemporaneo. Arte e meditazione, azione del perdono, filosofia semplice, passo dopo passo, assorbono e vengono assorbiti.

Immaginando la scena

arte intellettuale

arte intellettuale

Private Collection

Private Collection